Utilizzatori

Trova l'assistenza su misura per te

Numero Verde Utilizzatori: 800688340 Lun - Ven dalle 12:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00| Mail:customercare@repas.it

I Buoni Pasto Repas vi offrono un’ampia possibilità di scelta tra diverse tipologie di esercizi convenzionati. Qual è il tuo buono?

Repascoupon a verticale

Linea Professional

Il Buono Pasto Professional è pensato per le aziende private e garantisce la massima spendibilità e flessibilità.

Repascoupon c verticale

Linea Professional Limited

E' il Buono dedicato alle singole insegne, spendibile solo in punti vendita selezionati.

Repascoupon b1 verticale

Linea Business

Il Buono Pasto specifico per la Pubblica Amministrazione. Cerca la vetrofania viola e azzurra per entrare nel mondo di Repas.

Guida alla registrazione card elettronica
Repas Club
Potere d'acquisto
Vantaggi della scelta
Vantaggi della qualità

Guida alla registrazione card elettronica

Per registrare correttamente la tua card elettronica Repas, scarica il pdf informativo cliccando qui e segui i semplici passaggi per completare la tua iscrizione. Ti ricordiamo che la card si attiverà entro le successive 48 ore. 

Repas Club

Se sei utilizzatore dei buoni pasto elettronici Repas, hai il vantaggio di usufruire del Repas Club: scontistiche, promozioni, iniziative speciali dedicate e tutti i benefici legati al mondo del Cashback ti aspettano!

Potere d'acquisto

Il conto è presto fatto. Se 5,29 euro per pasto vi fossero riconosciuti come indennità in busta paga, considerando oneri previdenziali e Irpef, ve ne rimarrebbero in tasca esattamente 3,19 euro (le detrazioni possono variare a seconda del contratto di lavoro nazionale della categoria). Con il Buono Pasto, invece, purché di importo inferiore ai 5,29 euro, il valore nominale del Buono corrisponde esattamente ai soldi che vi vengono erogati e che potete spendere. In pratica, i Buoni Pasto sono per il lavoratore un’integrazione di reddito netta.

Vantaggi della scelta

Non solo il valore del Buono corrisponde esattamente all'importo netto che viene corrisposto senza alcuna detrazione fiscale ma, con Repas, siete anche liberi di spenderli in una grande varietà di esercizi commerciali: tavole calde, bar, trattorie, ristoranti e supermercati dove fare la spesa. È facile valutare l’impatto che questo può avere in un bilancio domestico: i Buoni Pasto sono davvero una forma di Welfare!

Vantaggi della qualità

Nell’attività di affiliazione, Repas cerca sempre di selezionare gli esercizi che si distinguono per la qualità e la convenienza dell’offerta. Questi esercizi selezionati vengono raccolti in una brochure tecnica che viene messa a disposizione degli utilizzatori (a breve anche su questo sito).

Avvertenze e raccomandazioni

Nell’utilizzo del Buono Pasto è importante osservare alcune norme fondamentali. Il Buono Pasto non è cedibile e cumulabile fino ad un numero di 8. Non può essere convertito in denaro né commercializzato: non potete, quindi, chiedere all’esercente un resto in contanti. Il Buono Pasto deve essere datato e sottoscritto e utlizzato esclusivamente per il servizio sostitutivo di mensa presso la rete degli esercizi appositamente convenzionati.

In base alla tipologia del tuo buono pasto cerca il locale giusto per le tue esigenze.

Dove spendere i Buoni Repas

Vetrofania bfu30

Buono Pasto Professional + Business

Il punto vendita che espone questa vetrofania può ritirare sia il Buono Pasto Professional (6.1 fucsia) che i Buoni Pasto Business per la Pubblica Amministrazione (6.4 e 6.5 azzurri).

Vetrofania an

Buono Pasto Professional

Il punto vendita che espone questa vetrofania può ritirare ESCLUSIVAMENTE il Buono Pasto Professional (6.1 fucsia).

FAQ

FAQ

  • Cosa succede se la registrazione non va a buon fine?

  • Se hai inserito dati errati in fase di registrazione, dovrai aspettare 24 ore per riprovare. Provvederemo a riabilitarti gli accessi

  • Ho sbagliato a inserire l'indirizzo mail per la registrazione della card elettronica

  • Riprova tra 48 ore ed esegui una nuova registrazione

  • Il negoziante mi ha obbligato a utilizzare per la spesa una quantità di contanti almeno pari a quella dei buoni. Questa pratica è corretta?

  • Anche in questo caso dobbiamo essere messi a conoscenza dei dati che ci permettano di identificare l'esercizio per intervenire. L’operazione messa in atto, oltre a non essere consentita, è passibile di interruzione del servizio ed è contraria all'interesse dello stesso esercizio che la pratica. Crediamo infatti che sia molto più conveniente per l'esercizio fidelizzare il cliente, anziché metterlo in una evidente condizione di disagio. In questo modo il cliente, quando avrà esaurito la sua scorta di buoni pasto che solitamente non supera i 22 coupons al mese, tornerà a frequentare l'esercizio anche per gli acquisti con pagamento in valuta. Non è infrequente che l'esercente colga positivamente questa opportunità, anche se spesso motiva la sua iniziativa sostenendo che i buoni devono essere spesi quotidianamente uno per volta. Anche qui però finisce per porsi in una condizione altrettanto negativa, dal momento che in questi esercizi, che sono nella stragrande maggioranza alimentari e supermercati, ben pochi degli utilizzatori di buoni pasto si recherebbero ancora, dato che ormai per consuetudine i buoni vengono utilizzati per fare la spesa